23 Bronzi di Riace

Il sonno della ragione genera i nostri
(2 volumi)

Saggio (2024)

Prima edizione: 16.01.2024
Pagine: 776 totali (Volume 1: 348 - Volume 2: 428)
Formati: carta 152,4x228,6mm, brossura copertina morbida; ebook
ISBN: carta primo volume 9788865010181, carta secondo volume 9788865010198, ebook 9788865018248

I social media offrono una cassa di risonanza colossale, che mai la Storia umana aveva conosciuto, all’interno della quale esacerbare la rabbia — spesso e volentieri costruendola da zero con un meccanismo infernale affine alla ludopatia, ideato per incamerare fortune mastodontiche in un angolo preciso degli Stati Uniti: la Silicon Valley. C’è chi ha imparato a sfruttare questo meccanismo per fare altro: manipolare il mondo. 

SHOP

Sinossi

VOL. 1
Che cosa accomuna populismo e fake-news, algoritmi informatici e cospirazionismo, estremismo religioso e ultradestra? Un tour allucinante nei recessi più sordidi della società contemporanea. Una ricostruzione implacabile di come (e perché) ci siamo ormai quasi persi le più importanti acquisizioni della Storia umana: democrazia, pace, pensiero razionale.

VOL. 2
Così l’internazionale di estrema destra che va dalla Russia ai fondamentalisti cristiani d’America ha aperto il vaso di Pandora di internet e attraverso disinformazione e complottismo demolisce le conquiste sociali, scientifiche e culturali dell’Occidente.

sonnoragioneTWEETSePOSTS retro

Disinformazione, complotti, un progressivo inarrestabile logoramento culturale e sociale indotto da forze reazionarie. “Rossobruni”, “nazihippie” e altri ossimori: quando gli opposti si fondono, vuol dire che ci vogliono sia nuove mappe che nuove bussole. Il libro, un saggio rigoroso in doppio volume, ambisce a fornire gli strumenti per orientarsi.
La rivoluzione digitale sta producendo il frutto più velenoso della Storia: il ritorno della destra ultrafascista, questa volta su scala mondiale, sotterranea e centrata su valori suprematisti — il potere degli uomini bianchi, la salvaguardia della religione cristiana, la sottomissione della donna e delle altre culture e religioni, la teoria della cospirazione. Ma la vera novità del terzo millennio è il grande consenso popolare per i Trump, i Bolsonaro, i Milei, gli Orbán, gli uomini forti che guardano con disprezzo alle regole e all’equilibrio dei poteri. Va rivista l’antica definizione di tiranno: non è più “colui che conquista il potere in modo illegittimo”. Oggi lo conquista in modo perfettamente legittimo, tra gli applausi della folla. Applausi digitali.

«Internet ha avvelenato la democrazia?» La risposta è sì. Esiste un disegno comune preciso messo a punto in posti precisi da persone precise. Che sfrutta abilmente e scientificamente gli spazi non regolamentati delle piattaforme social.
E mentre in ogni istante regimi repressivi, eletti in carica con ambizioni autoritarie e psicopatici di ogni calibro e nazionalità fanno dilagare complottismo, odio, “post-verità” e manipolazione dell’opinione pubblica, la Silicon Valley che ha costruito la perfetta tecnologia del caos ne ricava fantastiliardi di dollari.

Grazie a un’offerta giornalistica, letteraria e scientifica che abbonda di notizie inattendibili spacciate per “sensazionali verità” a un pubblico privo di strumenti culturali per vagliare ciò che legge, oggi puoi propinare qualsiasi frottola a qualsiasi persona. È quello che hanno capito per primi russi e cinesi e lo usano per smontare, con la disinformazione via internet, secoli di conquiste democratiche occidentali.
Il mondo come lo abbiamo conosciuto e goduto nel Dopoguerra è alle sue ultime battute. Con metodo scientifico questo libro spiega come ci siamo arrivati — e perché non c’è speranza di salvarlo.

Un'opera che, non potendo essere distribuita nelle librerie italiane, grazie al web riesce comunque a trovare posto nella libreria più importante. La tua.

I “Booktrailers”: 2 teaser da 30" pre-uscita e un trailer da 150" post-uscita

Questo doppio volume è uno sguardo spietato a quel che siamo diventati dalla fine della Guerra Fredda a oggi, con un’attenzione particolare agli ultimi 15 anni. Che condizioneranno i prossimi cinquanta.

Il populismo è sempre stato la pecora nera del gregge democratico. Stavolta, però, non siamo di fronte alla solita crisi politica o economica. La democrazia pare aver mutato il proprio DNA, e la fonte di questa mutazione è la rivoluzione digitale. La politica ormai si fa sugli smartphone, a colpi di post allarmistici, tweet mattutini e selfie con gli elettori. Il popolo, così, ha l’illusione di poter influire direttamente sulla cosa pubblica. Ma questa pretesa disintermediazione è solo una nuova mediazione, ancor meno trasparente della precedente. Rinchiusi nelle rispettive bolle mediatiche, governi populisti e loro follower si dedicano a tempo pieno all’intrattenimento. E la realtà precipita.

Troppo a lungo le democrazie occidentali hanno sottovalutato il rischio rappresentato dalla disinformazione e dalla manipolazione delle opinioni pubbliche nazionali (la fabbrica dei troll del non compianto Prigozhin è solo l’esempio più celebre), in particolare attraverso la diffusione sistematica di contenuti mirati ad alimentare odio, soffiando sul fuoco delle divisioni sociali, politiche ed etniche: online attraverso migliaia di bot e profili fake, offline attraverso decine di giornalisti fake e politici fake.
Con il riaffacciarsi della guerra in Europa dopo quasi 80 anni consecutivi di inedita pace, il problema ha assunto una nuova dimensione, ed è a tutti gli effetti uno dei fronti più delicati del conflitto socioculturale in atto, laddove si combatte la battaglia per condizionare gli elettori e quindi i governi, allo scopo di spezzare la solidarietà occidentale.

Se questa è però una sfida globale, va detto che l’Italia si presenta come l’anello più debole della catena, per ragioni storiche.
In un certo senso, i nostri troll ce li siamo allevati in casa: sono un prodotto autoctono, a chilometro zero, e li abbiamo lasciati proliferare, prima ancora che in politica, nell’informazione e nella comunicazione, fino a lasciar scomparire quasi del tutto la stessa distinzione tra testate autorevoli e fogli scandalistici, per non dire più semplicemente tra giornalismo e populismo (la campagna contro “la casta” su cui sarebbe fiorito il grillismo, nel 2007, fu lanciata non da un anonimo giornale provinciale ma dal Corriere della Sera, il più autorevole e storico quotidiano italiano).
Su questo terreno fertile è germogliato nel corso degli anni quell’ecosistema dis-informativo in cui oggi ci troviamo a soffocare, fino all’atroce spettacolo offerto negli ultimi anni in particolare dalla TV, con assurdi confronti tra scienziati e santoni no-vax, tra studiosi di politica internazionale e sociologi da baraccone, tra professionisti riconosciuti e disinformatori di professione.

ORDINA A CASA

Per avere questo volume anche in combinazione e sconto con altri miei libri, entra nello Shop.
Solo con l’acquisto diretto nel mio shop, i due volumi cartacei comprendono un esclusivo cofanetto autoprodotto.

Oppure per acquistare subito (senza cofanetto) sulle grandi piattaforme: 

 Amazon, edizione cartacea Volume 1

 Amazon, edizione cartacea Volume 2

Con la copia cartacea, hai in omaggio la versione e-book (grazie a un codice che ho inserito sul retro di copertina): comprando il libro, ti offro il “diritto” di possederlo in qualsiasi versione.

 AppleBooks, edizione digitale (volume unico)

  • 08 cercoilfiglio
  • 06 dossier
  • 07 sudario
  • 05 magdala
  • 04 yeshua
  • 03 numan
  • 20 palestina
  • 23 bronzi
  • 24 sonnoragione
  • 22 labirintingan
  • 18 lacura
  • 17 eraunagencan
  • 16 millemesi
  • 19 imbrunire
  • 21 choufflon
  • 15 memorydoubt
iconfoot twitter
iconfoot facebook
iconfoot instagram
iconfoot tumblr
iconfoot youtube
iconfoot vimeo
iconfoot soundcloud
iconfoot tiktok
iconfoot pinterest
iconfoot linkedin
iconfoot patreon
iconfoot substack